il percorso di san andrea

Festa patronale di Sant’Andrea Avellino

Il 12 maggio, ogni tre anni, Monasterace celebra, con vigoroso ardore di fede, in onore di Sant’Andrea Avellino, patrono del paese, una tra le manifestazioni religiose più particolari della Calabria: “il territorio”.

Non si conosce con esattezza l’origine di questo profondo atto di fede e di devozione: due sono le versioni più accreditate entrambe però prive di testimonianze scritte.

s_andrea al paeseLa prima afferma che sia stato in seguito ad una lunga carestia durata tre anni durante i quali i terreni divennero improduttivi e molte pestilenze decimarono gli armenti. Secondo la leggenda, la popolazione, stremata dalla fame e dalla disperazione decise di portare, a spalla, per il territorio del paese, la statua del Santo affinché la sua benedizione restituisse ai campi la fertilità del passato. La seconda, che trova un maggiore riscontro con la credenza popolare, fa riferimento al periodo in cui a Monasterace amministrava un certo barone Oliva. Il primo cittadino trovandosi per affari a Napoli sentì parlare molto dei prodigi di un Santo a lui sconosciuto. Avuto conferma di ciò da parte dei padri teatini incaricò uno scultore del luogo a fare una statua di quel Santo e se la fece spedire via mare. Tra 8 e 9 maggio dopo tanto peregrinare, la nave si fermò in un punto chiamato “San Marco”, i marinai pensarono ad un guasto della nave ma la mattina dopo videro arrivare un corteo con a capo il barone che prese in consegna la statua del santo accompagnandola in chiesa dove ebbe inizio una festa di ringraziamento.

Il 12 maggio, per la prima volta, la statua fu portata in processione per benedire tutto il territorio del barone. Da allora, ogni tre anni, si fa così: si parte dalla Chiesa Matrice dove vi è il Santo e i fedeli seguono la sua statua per distese di grano, sentieri erbosi e scoscesi, agrumeti e uliveti, con canti di preghiera. Giunti nei pressi della fiumara Assi, la statua del Santo, prima portata a spalla dagli uomini, per tradizione viene consegnata alle donne che dopo aver attraversato il fiume la restituiscono agli uomini. La processione si conclude con il ritorno della statua del Santo nella Chiesa Matrice.


maria ss di portosalvo

Festa di Maria SS di Portosalvo

festa madonna 2014A Monasterace, l’ultima domenica di giugno, si venera Maria SS di Portosalvo regina del mare e protettrice dei pescatori.

Nove giorni prima, con una suggestiva processione, la statua viene accompagnata dalla chiesetta costruita alla fine del settecento e a lei dedicata, appartenente ai marchesi di Francia, a quella parrocchiale e inizia la novena. Un momento molto spirituale e mistico è la cosiddetta “ora di compagnia”: un’ora di rosario in compagnia della Madonna di Portosalvo che termina con una litania cantata.

Esistono due statue della Madonna: quella più antica, lignea, risalente al 1700, probabilmente di scuola napoletana e quella nuova, acquistata di recente e da qualche anno utilizzata per le funzioni religiose a causa delle cattive condizioni di conservazione della prima.

La statua lignea, nel giugno del 2005, è stata incoronata con un diadema in oro, perle e pietre preziose incastonate realizzato dall’orafo calabrese Gerardo Sacco.

Durante la celebrazione domenicale, la statua viene portata dai fedeli in spiaggia e sistemata su una barca, decorata con un arco di fiori, su cui salgono anche le autorità civili e religiose.

In mare si forma un corteo di barche cariche di fedeli che seguono quella che porta la statua. Arrivati a Punta Stilo viene buttata una corona di fiori e si ritorna indietro. Una volta che la statua viene calata in spiaggia dalla barca, ricomincia la processione con la Madonna di Portosalvo portata a spalla dai fedeli per le vie del paese e, infine, fa ritorno nella chiesetta a lei dedicata.

i-surici-tipo-di-pesce

Pesca al Surici

Altrove lo chiamano pesce pettine, ma in Calabria è per tutti “u surici”. Tipico dei mari del Sud della nostra penisola, “u surici” ha il corpo allungato e piatto, di colore rosato (negli esemplari adulti assume colorazioni sul verde/azzurro) e quattro denti piccoli ma aguzzi e potenti che danno origine al suo soprannome.

Surici viviParente piuttosto stretto della sogliola, vive su fondali sabbiosi e al tramonto si rintana sotto la sabbia.

La sua presenza abbondante nelle acque cristalline del nostro mare lo ha fatto diventare il re dello Ionio e non esiste niente di meglio per gli amanti della pesca al bolentino che dedicarsi ad una rilassante e divertente battuta di pesca al “surici”.

Il periodo ideale per pescarlo va da giugno a settembre e ViviKaulon vi fornirà tutte le informazioni per cimentarvi nella pesca di questo caratteristico pesce dalle carni bianchissime e molto saporite, ma non solo.i-surici-tipo-di-pesce

A bordo di piccole imbarcazioni, a circa un miglio dalla costa, immersi nella quiete che solo il mare aperto sa trasmettere, utilizzando la tecnica a scarroccio, ovvero senza ancore, lasciandovi trasportare dalla corrente vi dedicherete ad un’esperienza di relax e divertimento e con un po’ di fortuna agli ami delle vostre lenze abboccheranno tanti surici, ma anche “violette”, “scazzupoli”, “vope”, “tracine” e le decine di specie di pesci che popolano i fondali del nostro mare rendendo la vostra giornata indimenticabile.

monasterace_castello2

Il castello e il borgo

Le origini del borgo di Monasterace risalgono al Medioevo: dopo la distruzione di Kaulon, per sfuggire alle epidemie di malaria che si stavano diffondendo e agli attacchi dei saraceni, la popolazione si spostò sulle alture vicine fondando nuovi villaggi. Con il passare del tempo l’esigenza di un riparo sicuro si fece sempre più sentire e sotto i bizantini furono edificate le mura di cinta e il castello.

monasterace_castello2La fortezza medievale, probabilmente costruita nell’XI secolo, presentava le stesse strutture architettoniche dei castelli dell’epoca: forma quadrata, quattro torri a forma di parallelepipedo a base rettangolare ai lati, ampio cortile interno con al centro una cisterna che serviva a raccogliere l’acqua piovana e ponte levatoio.

Durante la dominazione normanna, nel 1113 circa, i Cavalieri di Rodi assunsero la Signoria del paese e il castello fu trasformato in una specie di monastero-ospizio per accogliere i viandanti.

Dal XV secolo in poi il feudo divenne proprietà di diversi signorotti tra cui i marchesi di Francia che, nel 1921-22, vendettero il castello al cavalier Giuseppe Sansotta, uno dei più ricchi commercianti del paese, il quale operò una ristrutturazione dei locali per poi rivenderli a privati cittadini che ne modificarono la struttura originaria facendogli perdere ogni caratteristica di fortezza.

Il borgo, raggiungibile da tre porte: la Portella o Porta Marina ad est che è l’entrata principale; la Porta, lato sud, che conserva tutte le caratteristiche antiche; e infine la porta detta “tripu” costruita in tempi moderni, si mostra agli occhi dei visitatori come una variegata combinazione di elementi antichi e moderni. Le casette arroccate, tutte vicine tra loro, le viuzze strette e irregolari che seguono la posizione del pendio del monte, evocano immagini di un suggestivo presepe.

Il panorama da quassù è mozzafiato: da un lato l’azzurro del mare dominato dal faro di Punta Stilo, dall’altro le lussureggianti e variopinte colline.


 

Il castello
Monasterace superiore
Monasterace da lontano
Il panorama da Monasterace superiore
Monasterace superiore
Monasterace centro
Vista dall'alto
La porta
Il castello

Ermes

Ermes

Gallery 


Trilocale arredato collocato al piano terra di una villa situata sulla via principale di Monasterace e a soli 30 metri dalla spiaggia, raggiungibile attraverso un vialetto privato.

L’appartamento è composto da cucinino, camera matrimoniale, camera ad uso singolo o doppia, ampio ripostiglio e bagno con doccia.

La soluzione offre la possibilità di posto auto interno alla villa, uso lavatrice a pagamento, pratica doccia esterna.


  • Servizi

    Tipologia AlloggioAppartamentoClassificazione ViviKaulon
    Posti Letto3-4Camere da letto2
    PianoterraEdificio con ascensoreNO
    Bagni1Letti2-3
    TVNOInternetNO
    Balconi o TerrazzeNOGiardino o CortileSI
    Aria CondizionataNOLavatriceNO
    PiscinaNODistanza dal mare30 m circa
    Bar, Edicole350 mMarket, Alimentari750 m
    Farmacia350 mGuardia Medica250 m

    Altri servizi

    Cucina attrezzata, Frigo.

    Servizio di pulizia a cambio (obbligatorio): 15 €

    Fornitura biancheria letto (facoltativo): 10 €/persona a cambio

    Fornitura set da bagno (facoltativo): 10 €/persona a cambio

  • Prezzi settimanali

    Periodo
    2 persone
    3-4 persone
    5-6 persone
    6+ persone
    Giugno160 €180 €--
    Luglio260 €310 €--
    1 Agosto - 29 Agosto 410 €460 €--
    29 Agosto - 12 Settembre260 €310 €--
    12 Settembre in poi160 €180 €--

    Prezzi mensili

    Periodo
    2 persone
    3-4 persone
    5-6 persone
    6+ persone
    Giugno470 €540 €--
    Luglio790 €940 €--
    Agosto1220 €1370 €--
    Settembre790 €940 €--

  • Gentili Ospiti,

    per facilitare e rendere sicura la vostra prenotazione e il vostro soggiorno presso le strutture con noi convenzionate vi raccomandiamo di prestare attenzione ai punti di seguito elencati.

     

    CONDIZIONI GENERALI

    La cooperativa sociale ViviKaulon a r.l. svolge attività di servizi turistici e si occupa delle prenotazioni per conto dei proprietari degli alloggi. Il contratto di locazione è strettamente personale e viene stipulato tra locatore (proprietario) e conduttore (turista). E’ vietata la sublocazione o la cessione a terzi sotto qualsiasi forma. Il numero dei posti letto pagato dovrà essere rigorosamente rispettato. Ogni inadempienza porterà al versamento di una penale, pari al 30% dell’affitto concordato.

    Il versamento del saldo dovrà avvenire tassativamente alla consegna delle chiavi dell’appartamento locato, a mezzo contanti.

    Dovrà essere versato un deposito cauzionale di euro 100,00 (euro cento/00); il deposito cauzionale si intende infruttifero di interessi. Il deposito cauzionale sarà restituito al termine della locazione, salvo il rimborso per gli eventuali danni arrecati all’appartamento ed alle strutture comuni. Qualora al momento della partenza dovessero risultare danni ingenti all’interno dell’appartamento tali per cui non dovesse risultare sufficiente la somma versata a titolo di cauzione, verrà richiesto un ulteriore indennizzo.

    L’immobile viene affittato fornito di stoviglie e coperte.

    Il servizio a pagamento di biancheria da letto (copricuscino, lenzuolo sotto, lenzuolo sopra…) e da bagno (asciugamani, accappatoio …) è disponibile tramite richiesta almeno 15 giorni prima dell’arrivo, in caso contrario sarà cura dell’ospite dotarsene.

    Le parti danno atto che il presente rapporto di locazione è escluso dalla disciplina della -Legge 329/78 art. 26, lett. a – e successive modifiche, sia per quanto concerne la durata, sia per quanto concerne il canone e le altre correlative norme, in quanto è espressamente ed esclusivamente volto alla soddisfazione di esigenze abitative del locatario di natura meramente transitoria, con esclusione d’uso per ragioni di studio e lavoro; pertanto il rapporto contrattuale scadrà al termine naturale inserito nel contratto. L’affittuario, pena la risoluzione del contratto, dichiara quindi che l’appartamento verrà adibito esclusivamente a casa per vacanze e non per ragioni di studio o di lavoro, disponendo Egli, in altro Comune, di altro immobile dove effettivamente risiede ed ha domicilio.

    INIZIO e TERMINE del SOGGIORNO

    L’appartamento viene messo a disposizione a partire dalle ore 13.00 del giorno d’arrivo e deve essere liberato entro le ore 10.00 del giorno di partenza(l’orario è comunque flessibile in base alle nostre e alle vostre esigenze).

    AGGIUNTA DI PERSONE

    L’eventuale aggiunta di persone, al nucleo residente, sarà possibile solo in relazione all’abitabilità della struttura interessata e solo dopo aver ricevuto il nostro consenso.

    PARTENZE ANTICIPATE

    Non verrà effettuata nessuna riduzione sull’importo della tariffa corrispondente al periodo e al numero di persone previsto per partenze anticipate, totali o parziali.

    PRENOTAZIONI

    Le prenotazioni possono essere fatte tramite e-mail o telefonicamente.

    Al ricevimento della prenotazione verrà inviata una lettera di conferma con la richiesta di una caparra pari al 25% dell’importo del soggiorno e con i termini di scadenza per il versamento. L’appartamento è considerato affittato solo all’arrivo della caparra.

    La prenotazione comporta l’accettazione del seguente regolamento che non dovrà assolutamente essere ignorato. La persona firmataria del regolamento si renderà responsabile anche per le persone che la accompagnano del rispetto delle condizioni del presente regolamento

    DISPONIBILITA’ DELL’APPARTAMENTO

    L’ospite per poter prendere possesso dell’alloggio deve:

    a) Fornire la copia del suo documento d’identità e quello di tutti gli occupanti;

    b) Versare il saldo dell’importo pattuito;

    c) Versare la cauzione pattuita;

    d) Firmare il presente regolamento.

    RESPONSABILITA’

    I Proprietari dell’appartamento sono sollevati sin d’ora da ogni responsabilità per eventuali ammanchi di effetti personali, beni di valore o denaro dell’affittuario, tenuti nell’appartamento affittato.

    RINUNCE

    Per disdette comunicate dall’affittuario fino a 60 giorni prima dalla data di inizio del soggiorno è previsto il rimborso del 50% della caparra versata. Dopo tale termine nessun rimborso della caparra spetterà a chi rinuncia al soggiorno.

    ANIMALI

    Sono ammessi previo accordo con il proprietario.

    CONDIZIONI SPECIFICHE RELATIVE ALLA PULIZIA DEGLI APPARTAMENTI

    L’appartamento verrà consegnato pulito, per cui dovrà essere riconsegnato nelle stesse condizioni. La spazzatura non deve essere lasciata nell’appartamento ma gettata negli appositi cassonetti dell’immondizia.

    La pulizia dell’angolo cottura e delle stoviglie è a carico dell’ospite, in caso d’inadempienza verrà addebitato il costo di € 25,00 (euro venticinque/00); l’ospite deve provvedere, inoltre, a svuotare il frigorifero.

    Il proprietario dell’appartamento si riserva altresì il diritto di allontanare tutti quegli elementi che potrebbero arrecare disturbo alla quiete pubblica e all’immagine di ViviKaulon



 

 

Contattaci per richiedere la disponibilità

Poseidon

Poseidon

Gallery


Trilocale arredato collocato al piano terra di una villa situata sulla via principale di Monasterace e a soli 30 metri dalla spiaggia, raggiungibile attraverso un vialetto privato.

L’appartamento è composto da un cucinino, una camera matrimoniale, una camera doppia, un soggiorno, un bagno con doccia e un ampio patio/veranda affacciato sul curatissimo giardino.

La soluzione offre la possibilità di posto auto interno alla villa, uso lavatrice a pagamento, pratica doccia esterna.


  • Servizi

    Tipologia AlloggioAppartamentoClassificazione ViviKaulon
    Posti Letto3-4Camere da letto2
    PianoterraEdificio con ascensoreNO
    Bagni1Letti3
    TVNOInternetNO
    Balconi o TerrazzeSIGiardino o CortileSI
    Aria CondizionataNOLavatriceNO
    PiscinaNODistanza dal mare30 m circa
    Bar, Edicole350 mMarket, Alimentari750 m
    Farmacia350 mGuardia Medica250 m

    Altri servizi

    Cucina attrezzata, Frigo.

    Servizio di pulizia a cambio (obbligatorio): 15 €

    Fornitura biancheria letto (facoltativo): 10 €/persona a cambio

    Fornitura set da bagno (facoltativo): 10 €/persona a cambio

  • Prezzi settimanali

    Periodo
    2 persone
    3-4 persone
    5-6 persone
    6+ persone
    Giugno160 €180 €--
    Luglio260 €310 €--
    1 Agosto - 29 Agosto 410 €460 €--
    29 Agosto - 12 Settembre260 €310 €--
    12 Settembre in poi160 €180 €--

    Prezzi mensili

    Periodo
    2 persone
    3-4 persone
    5-6 persone
    6+ persone
    Giugno470 €540 €--
    Luglio790 €940 €--
    Agosto1220 €1370 €--
    Settembre790 €940 €--

  • Gentili Ospiti,

    per facilitare e rendere sicura la vostra prenotazione e il vostro soggiorno presso le strutture con noi convenzionate vi raccomandiamo di prestare attenzione ai punti di seguito elencati.

     

    CONDIZIONI GENERALI

    La cooperativa sociale ViviKaulon a r.l. svolge attività di servizi turistici e si occupa delle prenotazioni per conto dei proprietari degli alloggi. Il contratto di locazione è strettamente personale e viene stipulato tra locatore (proprietario) e conduttore (turista). E’ vietata la sublocazione o la cessione a terzi sotto qualsiasi forma. Il numero dei posti letto pagato dovrà essere rigorosamente rispettato. Ogni inadempienza porterà al versamento di una penale, pari al 30% dell’affitto concordato.

    Il versamento del saldo dovrà avvenire tassativamente alla consegna delle chiavi dell’appartamento locato, a mezzo contanti.

    Dovrà essere versato un deposito cauzionale di euro 100,00 (euro cento/00); il deposito cauzionale si intende infruttifero di interessi. Il deposito cauzionale sarà restituito al termine della locazione, salvo il rimborso per gli eventuali danni arrecati all’appartamento ed alle strutture comuni. Qualora al momento della partenza dovessero risultare danni ingenti all’interno dell’appartamento tali per cui non dovesse risultare sufficiente la somma versata a titolo di cauzione, verrà richiesto un ulteriore indennizzo.

    L’immobile viene affittato fornito di stoviglie e coperte.

    Il servizio a pagamento di biancheria da letto (copricuscino, lenzuolo sotto, lenzuolo sopra…) e da bagno (asciugamani, accappatoio …) è disponibile tramite richiesta almeno 15 giorni prima dell’arrivo, in caso contrario sarà cura dell’ospite dotarsene.

    Le parti danno atto che il presente rapporto di locazione è escluso dalla disciplina della -Legge 329/78 art. 26, lett. a – e successive modifiche, sia per quanto concerne la durata, sia per quanto concerne il canone e le altre correlative norme, in quanto è espressamente ed esclusivamente volto alla soddisfazione di esigenze abitative del locatario di natura meramente transitoria, con esclusione d’uso per ragioni di studio e lavoro; pertanto il rapporto contrattuale scadrà al termine naturale inserito nel contratto. L’affittuario, pena la risoluzione del contratto, dichiara quindi che l’appartamento verrà adibito esclusivamente a casa per vacanze e non per ragioni di studio o di lavoro, disponendo Egli, in altro Comune, di altro immobile dove effettivamente risiede ed ha domicilio.

    INIZIO e TERMINE del SOGGIORNO

    L’appartamento viene messo a disposizione a partire dalle ore 13.00 del giorno d’arrivo e deve essere liberato entro le ore 10.00 del giorno di partenza(l’orario è comunque flessibile in base alle nostre e alle vostre esigenze).

    AGGIUNTA DI PERSONE

    L’eventuale aggiunta di persone, al nucleo residente, sarà possibile solo in relazione all’abitabilità della struttura interessata e solo dopo aver ricevuto il nostro consenso.

    PARTENZE ANTICIPATE

    Non verrà effettuata nessuna riduzione sull’importo della tariffa corrispondente al periodo e al numero di persone previsto per partenze anticipate, totali o parziali.

    PRENOTAZIONI

    Le prenotazioni possono essere fatte tramite e-mail o telefonicamente.

    Al ricevimento della prenotazione verrà inviata una lettera di conferma con la richiesta di una caparra pari al 25% dell’importo del soggiorno e con i termini di scadenza per il versamento. L’appartamento è considerato affittato solo all’arrivo della caparra.

    La prenotazione comporta l’accettazione del seguente regolamento che non dovrà assolutamente essere ignorato. La persona firmataria del regolamento si renderà responsabile anche per le persone che la accompagnano del rispetto delle condizioni del presente regolamento

    DISPONIBILITA’ DELL’APPARTAMENTO

    L’ospite per poter prendere possesso dell’alloggio deve:

    a) Fornire la copia del suo documento d’identità e quello di tutti gli occupanti;

    b) Versare il saldo dell’importo pattuito;

    c) Versare la cauzione pattuita;

    d) Firmare il presente regolamento.

    RESPONSABILITA’

    I Proprietari dell’appartamento sono sollevati sin d’ora da ogni responsabilità per eventuali ammanchi di effetti personali, beni di valore o denaro dell’affittuario, tenuti nell’appartamento affittato.

    RINUNCE

    Per disdette comunicate dall’affittuario fino a 60 giorni prima dalla data di inizio del soggiorno è previsto il rimborso del 50% della caparra versata. Dopo tale termine nessun rimborso della caparra spetterà a chi rinuncia al soggiorno.

    ANIMALI

    Sono ammessi previo accordo con il proprietario.

    CONDIZIONI SPECIFICHE RELATIVE ALLA PULIZIA DEGLI APPARTAMENTI

    L’appartamento verrà consegnato pulito, per cui dovrà essere riconsegnato nelle stesse condizioni. La spazzatura non deve essere lasciata nell’appartamento ma gettata negli appositi cassonetti dell’immondizia.

    La pulizia dell’angolo cottura e delle stoviglie è a carico dell’ospite, in caso d’inadempienza verrà addebitato il costo di € 25,00 (euro venticinque/00); l’ospite deve provvedere, inoltre, a svuotare il frigorifero.

    Il proprietario dell’appartamento si riserva altresì il diritto di allontanare tutti quegli elementi che potrebbero arrecare disturbo alla quiete pubblica e all’immagine di ViviKaulon



 

Contattaci per richiedere la disponibilità

cascate_marmarico

Cascate del Marmarico

Con un salto di 114 metri, le Cascate del Marmarico sono le più alte dell’Appennino Meridionale e tra le più alte in Italia. Situate nell’alto corso della fiumara Stilaro le cascate rappresentano il primo vagito del vallone Folea che passando per anguste forre si incontra con il torrente Ruggiero e dà origine allo Stilaro. Il nome Marmarico ha origini dialettali e significa “lento” o “pesante”, e probabilmente lo si deve all’effetto che compie l’acqua scendendo da questo lungo salto che la fa sembrare quasi immobile.

Per raggiungerle bisogna percorrere un sentiero sterrato che dall’abitato di Bivongi si inerpica su per le montagne circostanti, alle spalle del Monte Consolino, sino ad un ponticello che consente di oltrepassare l’orrido del vallone e porta dall’altro lato del torrente. La strada prosegue per boschi e costeggia il corso del fiume per circa 15 minuti. L’acqua scorre saltando su pietre e rocce, preludio di quello che si riuscirà a vedere alla fine del sentiero, quando la cascata apparirà improvvisamente alla vista del visitatore, in tutta la sua bellezza e maestosità.

Raggiunto il laghetto più grande della cascata, dove è possibile fare il bagno, si può scegliere di proseguire per un breve sentiero che si inerpica ancora più su fino alla seconda balza, dalla quale si può ammirare il primo tratto di cascata, quello superiore, in tutta la sua interezza e osservare dall’alto il salto verso il bacino inferiore. Arrampicandosi per un brevissimo tratto è possibile accedere ad un’ulteriore balza collocata ancora più in alto.

Un altro modo per raggiungere le cascate del Marmarico è percorrendo un bel sentiero a piedi che parte da Ferdinandea e ridiscende lungo il vallone Folea, lungo il quale di possono ammirare in tutta la loro maestosità.

I periodi in cui appaiono più spettacolari sono senza dubbio la primavera e l’autunno, quando la portata d’acqua è maggiore e quando le fioriture stagionali colorano del giallo della ginestra e del rosa dei ciclamini il percorso che si inerpica fino ai piedi della cascata e la natura appare più rigogliosa che mai.

Dal settembre 2011 le Cascate del Marmarico fanno parte delle “meraviglie italiane” dopo essere state inserite nell’omonimo programma di carattere turistico-culturale elaborato del Forum Nazionale dei Giovani in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.


 

Bagni di Guida

Bagni di Guida e Albergo Acque Sante

Bagni di GuidaUn tempo noto come Acque sante per le sue proprietà mediche dovute ad elementi solfuro-alcalini, I Bagni di Guida sono uno stabilimento termale utilizzato a partire dalla metà del XIX secolo (il suo utilizzo appare certificato già nel 1850) ma noto sin dal tempo dei bizantini e anche nel periodo pre-bizantino. Nelle vicinanze dello stabilimento ai primi del Novecento venne costruito l’Albergo Acque sante. Sia l’albergo che il centro termale rimasero attivi fino al 1950 e oggi verranno recuperati come centro di servizio dell’Ecomuseo delle Ferriere e Fonderie di Calabria.

Case Albero Acque Sante

 

Ecomuseo delle ferriere

Ecomuseo delle Ferriere

Bivongi offre al visitatore interessato all’archeologia industriale, diverse testimonianze del suo passato minerario, recente e meno recente: mulini, centrali elettriche, vecchie miniere, impianti termali dismessi che fanno parte del grande Ecomuseo delle Ferriere e Fonderie di Calabria.

Particolarmente degni di nota sono il Mulinu do Furnu” costruito intorno al XIII secolo da monaci cistercensi per frantumare la galena prelevata da una miniera in località Argentera, l’antica Ferriera Fieramosca adibita alla produzione di cannoni e granate, ceduta da Carlo V nel XVI secolo al suo scudiero Cesare Fieramosca, fratello del celebre Ettore vincitore della disfida di Barletta (sopra i resti della ferriera nei primi del secolo scorso è stata costruita una conceria, ormai non più attiva).

Dell’Ecomuseo fa parte anche la Centrale idroelettrica Guida, l’unica centrale elettrica arrivata a noi fra le prime costruite in Calabria, edificata nel 1913 dai contadini di Bivongi, rifornì di elettricità tutti i paesi limitrofi fino al 1952.


basilica_bivongi

Basilica di San Giovanni Therestis

Costruita nella seconda metà dell’XI secolo, la superba basilica bizantino-normanna di San Giovanni Therestis divenne il più importante centro basiliano calabrese, con una grande biblioteca e un famoso “scriptorium”. Per secoli ha rappresentato il “Caput Monasterium Ordinis Sancti Basili” in Calabria e uno dei più importanti monasteri basiliani dell’Italia meridionale, mantenendo splendore e ricchezza sino al XV secolo. A seguito di difficoltà causate da una banda di briganti nel 1662 i monaci basiliani abbandonarono il monastero per trasferirsi nel più grande complesso monumentale intitolato al Santo Mietitore a Stilo, dove furono trasferite le reliquie di San Giovanni Tgerestis e dei Santi asceti Nicola e Ambrogio. Con le leggi napoleoniche introdotte a inizio ‘800, l’area dove sorge il monastero divenne di proprietà del comune di Bivongi e poi di privati cittadini che lo restituirono al comune nel 1980.

Dal 1994, dopo i primi interventi di restauro, è tornato a “vivere” grazie alla costante presenza dei monaci ortodossi. Attualmente ospita una comunità monastica appartenente alla Diocesi Romena Ortodossa d’Italia.

Costituisce una chiara testimonianza architettonica di transizione dall’epoca bizantina a quella normanna. Tracce di affreschi denotano come i muri della basilica siano stati affrescati già dalla sua edificazione.

L’interno oggi si presenta nuovamente ricco di icone, pitture, affreschi e ammirevoli arredi sacri come l’iconostasi o lo splendido lampadario in oro nella navata centrale, con una grande base di dodici lati, su ognuno dei quali è raffigurato un apostolo.