Basilica di San Giovanni Therestis

Costruita nella seconda metà dell’XI secolo, la superba basilica bizantino-normanna di San Giovanni Therestis divenne il più importante centro basiliano calabrese, con una grande biblioteca e un famoso “scriptorium”. Per secoli ha rappresentato il “Caput Monasterium Ordinis Sancti Basili” in Calabria e uno dei più importanti monasteri basiliani dell’Italia meridionale, mantenendo splendore e ricchezza sino al XV secolo. A seguito di difficoltà causate da una banda di briganti nel 1662 i monaci basiliani abbandonarono il monastero per trasferirsi nel più grande complesso monumentale intitolato al Santo Mietitore a Stilo, dove furono trasferite le reliquie di San Giovanni Tgerestis e dei Santi asceti Nicola e Ambrogio. Con le leggi napoleoniche introdotte a inizio ‘800, l’area dove sorge il monastero divenne di proprietà del comune di Bivongi e poi di privati cittadini che lo restituirono al comune nel 1980.

Dal 1994, dopo i primi interventi di restauro, è tornato a “vivere” grazie alla costante presenza dei monaci ortodossi. Attualmente ospita una comunità monastica appartenente alla Diocesi Romena Ortodossa d’Italia.

Costituisce una chiara testimonianza architettonica di transizione dall’epoca bizantina a quella normanna. Tracce di affreschi denotano come i muri della basilica siano stati affrescati già dalla sua edificazione.

L’interno oggi si presenta nuovamente ricco di icone, pitture, affreschi e ammirevoli arredi sacri come l’iconostasi o lo splendido lampadario in oro nella navata centrale, con una grande base di dodici lati, su ognuno dei quali è raffigurato un apostolo.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>